Da ora potete trovarmi anche online attraverso questa piattaforma: https://davincisalute.com/i-nostri-dottori/gloria-godioli/ 

che vi consentirà di poter interagire con me al fine di ottenere un supporto psicologico per ogni vostra problematica o difficoltà che attualmente state attraversando. L'obiettivo di ogni seduta è il vostro benessere psicologico. La sottoscritta si impegnerà a farvi raggiungere in tempi rapidi i vostri obiettivi.

Per ulteriori informazioni: 329 0254394 (anche whatsapp)

Close-up of psychiatrist hands holding those of her patient

 

Dalle 9,00 alle 19.00 presso il mio studio privato a Pavia in via mascheroni, possibilità di scegliere uno dei seguenti corsi in modo gratuito: 

1. Autostima: come diventare più sicuri di sè: verranno forniti esercizi e indicazioni pratici su come diventare più autonomi nelle proprie scelte

2. Emozioni: come gestire le emozioni negative: rabbia e tristezza. Verranno fornite indicazioni ed esercizi pratici che permettono di diventare più assertivi

3. Training autogeno: tecnica di rilassamento contro l'ansia, lo stress e l'insonnia. Verrà effettuata la prima lezione

4. Colloquio psicologico: un momento individuale per esporre le proprie problematiche, difficoltà o dubbi che impediscono di vivere serenamente. Il tutto verrà svolto in un ambiente confortevole e rilassante.

 

Al termine di ogni corso, possibilità di gustare gratuitamente ottime tisane rilassanti. 

Per informazioni e prenotazioni:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

tel. 329 0254394

 

 

L'insonnia è un disturbo del sonno che si manifesta in condizioni di stress psichico e fisico che impedisce alla persona di affrontare con regolarità il ritmo della propria vita. Può caratterizzarsi sia dall'incapacità di addormentarsi e di dormire quelle ore necessarie per il benessere psicologico (mediamente intorno alle 7-9 ore per gli adulti), sia dai continui risvegli durante il sonno con difficoltà a riaddormentarsi. Entrambi questi aspetti ostacolano il normale svolgimento delle attività quotidiane in quanto l'organismo percepisce stanchezza, irritabilità, cattivo umore, difficoltà di concentrazione nel lavoro e nello studio. 

Quali sono le cause principali?

Stress, ansia,  depressione, preoccupazioni eccessive inerenti a una particolare situazione che si sta vivendo e  che si deve affrontare o che è già stata fronteggiata ma con risultati poco soddisfacenti, uso di stupefacenti o eccitanti, patologie neurologiche. Queste rientrano tra le cause più comuni cause dell'insonnia.

Quali sono i trattamenti più efficaci?

Il training autogeno rappresenta un valido aiuto per chi soffre di questo disturbo. E' stato infatti dimostrato che l'adozione di questa tecnica di rilassamento, se accompagnata dalla determinazione e dalla motivazione a migliorare il proprio stato di salute, conduce a risultati ottimi per il proprio benessere. Anche l'assunzione di tisane può essere molto funzionale nel ridurre questo problema.

Amare se stessi significa conoscere il proprio valore, i propri desideri, i propri bisogni, i limiti che ci caratterizzano, significa imparare ad accettarsi per quello che si è senza dover cambiare per far piacere agli altri. Non è il mostrare al mondo quanto siamo superiori, per farci vedere migliori, ma questo rappresenta, al contrario, un segno di debolezza perchè si tende a ricercare costantemente l'approvazione altrui e l'attenzione su di sè.  

Chi si ama veramente, si accetta con i propri pregi e difetti, ponendosi sempre degli obiettivi da realizzare. Amare se stessi significa quindi, poter esprimere la propria personalità liberamente senza aver paura delle opinioni che riceviamo. Comprendere ciò che ci fa star bene da ciò che ci ferisce, compiere delle scelte su cose che ci piacciono e che vorremmo fare, da cose che invece ci infastidiscono e siamo costrette a praticarle per far piacere agli altri.

 

Esistono degli esercizi che ci permettono di accrescere l'amore verso noi stessi?

Certamente

1. Smettere di criticarsi continuamente. Non si è perfetti e, il commettere errori, fa parte della natura umana

2. Smettere di paragonarsi agli altri. osservare gli altri, toglierà attenzione sui nostri obiettivi e su come vogliamo raggiungerli

3. Non dire sempre si. Bisogna far valere le proprie idee e pensieri rispettando il prossimo senza incorrere nella paura di venire disapprovato

4. Riordinare la nostra vita dandoci delle priorità. Individuare cosa ci piacerebbe fare, come vorremmo diventare, riordinare l'ambiente in cui si vive se non ci piace

5. Trovare tempo per coccolarsi un pò. Una gita in un centro benessere, ad esempio, un fine settimana fuori città, l'inizio di un hobby che stimoli.

6. Praticare il training autogeno può avere effetti positivi sul benessere psicofisico. Trovare dei professionisti in grado di praticarlo correttamente può essere molto funzionale per la propria salute.  

Il lutto rappresenta un momento particolare nella vita di ogni persona. La perdita di una persona cara può comportare stravolgimenti importanti nella vita di ogni soggetto. Il fatto di non avere più nessun contatto con la stessa, induce dolore e sofferenza immensa spesso accompagnata dal ritiro da ogni attività, dai continui pensieri verso la persona persa, dall'insonnia, dall'attivazione di ricordi ogni volta che che ci si imbatte in odori particolari o profumi che richiamano alla mente la persona amata, sviluppando, di conseguenza, comportamenti ansiosi. 

 

Come si manifesta il lutto?

Attraverso 5 fasi:

1. la negazione: non accettare la perdita della persona cara

2. la rabbia: vivere la scomparsa come un'ingiustizia (il "non si può morire così" diventa uno dei pensieri ricorrenti)

3. la contrattazione: si comincia ad accettare l'accaduto e si alternano momenti di depressione a momenti di speranza

4. la depressione: in questa fase ci si sofferma su ciò che non si può più avere, su tutto quello che non si può più condividere con la persona scomparsa. Spesso si tende ad avere forti mal di testa, perdita o aumento del peso corporeo, insonnia, agitazione, frustrazione, rabbia e volontà di staccarsi dagli altri. 

5. l'accettazione: si da un senso a ciò che è successo, si accetta la morte e si prosegue con la propria vita. 

 

Come si può affrontare il lutto?

Innanzitutto dipende dal tipo di morte a cui si è assistito e al legame con la persona scomparsa. Si possono però provare ad utilizzare  le seguenti strategie:

1. Rimettersi in gioco iniziando a prendersi cura di se stessi,

2. Pianificare un'attività, uno svago, coltivare una nuova passione

3. Porsi degli obiettivi ogni mattina e raggiungerli

4. Fare dei progetti a lungo termine

Questi metodi possono ridurre la sofferenza e condurre la persona alla ripresa della propria vita. Un'altra soluzione può essere il training autogeno: una tecnica fondamentale per contrastare l'insonnia che è l'elemento predominante specialmente nei primissimi giorni dopo la scomparsa.